resoconto trotto Agnano martedì 8 dicembre

Corse di trotto ad Agnano Corse di trotto ad Agnano © photo Domenico Savi

Da una sfida tra neo tre anni di enormi prospettive è venuto fuori il record della generazione, 1.12.7, realizzato da Ananas Jet che, in percorso di testa, ha respinto di una lunghezza Aladin Effe, proteso ai suoi fianchi fin dalla partenza. E’ stato un match avvincente tra due puledri che potrebbero rivelarsi tra le novità del nuovo anno, a patto che distribuiscano al meglio le energie, senza farsi allettare dal programma che propone tante occasioni invitanti. Come ripetiamo ad ogni inizio annata, il traguardo è lontano e bisogna muoversi adagio, con circospezione. I due protagonisti hanno la stessa paternità ( Maharajah ), uno stallone che sta dimostrando grandissime potenzialità. Il vincitore, allievo di Vincenzo Villani, ha come prima madre Nocciolaia Jet che aveva già prodotto due discreti soggetti quali Violetto Jet e Zolferino Jet. La seconda madre Art Deco, ha prodotto nove cavalli da corsa tra cui lo sfortunato Gracchio Jet che sembrava un soggetto di classe, prima di morire in pista in occasione del Città di Napoli. Inoltre, la terza madre è Tevann, figlia di Napoletano ed Evann C, quest’ultima vincitrice di uno storico G.P. Lotteria, agli ordini di Bjorn Lindblom. Una corsa rimasta nella memoria degli appassionati perché nei metri finali sembrava ormai fatta per Fiaccola Effe, dominante al ciglio opposto della pista con Roberto Benedetti esultante in sulky, ma all’interno sbucò Evann C che riuscì a sopravanzare l’avversaria. Provate ad immaginare chi è la seconda madre di Aladin Effe: si, proprio la grande Fiaccola Effe, portacolori della scuderia Gardesana che è allevatrice del promettente sauro allenato da Gennaro Casillo. Corsi e ricorsi ippici.


1° corsa:
Molti dei concorrenti escono dai nastri senza equilibrio, va davanti Ariaz nei confronti di Atena Breed e A Gallia Ad Amnem, in errore dopo seicento metri la favorita Amazing Lux. A metà della piegata finale confonde il passo Ariaz, sbaglia Atena Breed che sembrava prendere il largo; vince A Gallia Ad Amnem ( Royal Dream e Perlalor Amnis ) il cui percorso rimane apprezzabile, 1.18.8 sul doppio chilometro, nonostante il compito sia stato facilitato dalle rotture altrui.
- Gioco:
I books pagano qualche centinaia di euro della vincitrice a 17,00 ma poco importa visto che ne mettono a vagonate, cifre quasi uguali, sia su Amazing Lux che Atena Breed, entrambe a 2,30.

2° corsa:
Zaira dei Veltri va davanti e cerca di ridurla al massimo ma dopo un giro arriva Zucchero Model che la costringe ad accelerare. Quest’ultima sottomette la leader ma deve arrendersi, proprio in prossimità del traguardo, allo speed di Zita Jet, vincitrice a media di 1.16.7 sulla lunga. Terzo posto per Zambra Op.
- Gioco:
Gioco equamente distribuito tra Zaira dei Veltri ( 4,00 ), Zotico Gio e Zucchero Model ( 7,30 ), quest’ultima unica a sfiorare la vincita. Discreto movimento pure su Zeria di Casei ( 13,50 e 3,00 ) e sulla vincitrice Zita Jet ( 17,00 e 3,50 ).

3° corsa:
Ultimo San spende per passare al comando ma cede ai seicento finali sotto le bordate di Versilia Luis che si isola dopo percorso al largo, a media di 1.15.0. Il diligente Uwe del Ronco precede Vettorix per il secondo mentre Una Bigi King getta alle ortiche il terzo posto con una rottura effettuata nei metri finali.
- Enrico Maisto ( 1° ):
Versilia Luis, come avevo dichiarato alla vigilia, aveva fatto uno sproposito al rientro. Oggi quando è arrivata ai lati del battistrada ho pensato che avesse il successo in pugno. Si adatta al miglio ma, fondamentalmente, è una cavalla da distanza.
- Gioco:
La parte più consistente del movimento è messa sulla vincitrice Versilia Luis, a 3,00 e 1,70. Non mancano gli estimatori di Ultimo San ( 5,00 ), Valderrama As ( 8,40 ) e Una Bigi King a 11,00. Ai piazzati seguiti sia Vitesse Mabel ( 3,25 ) che Una Bigi King, a 2,50.

 4° corsa:
Ananas Jet assume subito l’iniziativa nei confronti di Aladin Effe, costretto al largo dall’inserimento di Antony Leone. Di Nardo si adegua ai parziali del leader, chilometro in 1.13.8 e prova l’affondo ai seicento conclusivi ma Ananas Jet lo respinge e va a concludere a media record di 1.12.7, nuovo primato della generazione.
- Vincenzo Villani ( 1° ): 
L’altro giorno Ananas Jet faticò a capire cosa doveva fare, era la prima volta che affrontava un percorso manovrato, era disorientato. Oggi ha ripreso ad agire al comando ed è stato più semplice; aveva ancora energie a disposizione ma debbo riconoscere che Aladin Effe è stato un validissimo avversario.
- Gioco:
Il vincitore Ananas Jet, da un solo provider, prende quasi diecimila euro di gioco a 1,80 vincente. In alternativa, si giocano Aladin Effe ( 5,20 e 2,15 ), Antony Leone ( 5,60 ) e Amour A Belle ( 6,00 ).

5° corsa:
Redford Trgf è il più veloce alla chiusura delle ali, gestisce con un chilometro in 1.15.6 ed in retta d’arrivo deve difendersi a denti stretti da Tuono Fez che lo costringe alla parità. Per i due vincitori media di 1.15.7. Al terzo posto conclude Unity di Poggio.
- Gioco:
Il colpo lo fanno con Redford Trgf a 14,00 e 4,60 ma sono tanti i cavalli giocati che alla fine il banco non perde: Unity di Poggio ( 6,70 e 2,60 ), Vitton ( 4,00 e 1,80 ),Venere di No ( 5,00 e 2,30 ).

6° corsa:
Zora Tor va davanti nei confronti di Zoe Amg mentre Zuena, rimasta al largo, va a chiedere strada e la ottiene. All’altezza del chilometro, 1.14.2, ritorna al comando Zora Tor e Zoe Amg inizia lo spunto. Zoe Amg passa facile sull’avversaria che sbaglia e conclude a media di 1.13.4. Zuena conserva la piazza d’onore dall’affondo di Zamora Font che si impegna solo nel tratto conclusivo.
- Giuseppe Maisto ( 1° ):
Zoe Amg aveva fatto uno sproposito ad Aversa e oggi si è confermata, dimostrando di saper pure partire. C’è da dire che è migliorata nella meccanica e questo la rende più gestibile. Possiede un parziale molto incisivo.
- Gioco:
Ne mettono proprio tanti su Zora Tor a 2,50, molti su Zamora Font ( 7,00 ), parecchi su Zante Breed ( 10,00 e 2,10 ) ma c’è da pagare Zoe Amg, seguita a 2, 30.

7° corsa:
Taiga Jet parte fortissimo ed in trecento metri è a condurre. Steven del Ronco risale per gradi ed ai seicento conclusivi affonda il colpo, vincendo di una retta, a media di 1.13.0. La piazza d’onore è conquistata dall’altro super penalizzato Severino che sottomette Taiga Jet, vicinissimo finisce pure Spitfire Gar. Sector completa il marcatore.
- Gioco:
C’è un po’ di titubanza su Steven del Ronco che apre 2,80 ed in seguito sale fino a 3,90, riscuotendo un po’ di consensi proprio alla fine. Gran movimento invece su Taiga Jet, appoggiata a 4.00 e 1,70.

Emilio Migliaccio

classe '71, ex driver, dal 2012 è il corrispondente da Napoli per Trotto & Turf.
Collabora come opinionista con Ippodromi Partenopei ed Ippodromi Meridionali.

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.